Il porno nel suo stato completo e senza censure ci offre una misura di controllo su ciò che pensiamo o meno del sesso. Non possiamo negare la sua esistenza, poichè il porno è semplicemente ovunque (se hai dei dubbi, fai una ricerca su Google, ti saranno offerti vari siti da guardare sul tuo cellulare proprio ora). Il porno è popolare come la TV, ed è sempre stato così, per un periodo immemore.

I Greci ed i Romani hanno lasciato molte rappresentazioni del sesso orale, dell’omosessualità, dell’eterosessualità, delle orge ed altre raffigurazioni sessuali. Inoltre, nel terzo secolo è stato creato il Kama Sutra, con illustrazioni del sesso e del porno. Questo contesto storico crogiola ancora nella sua importanza come un fondamento culturale della vita erotica. Possiamo dire che la collezione più grande del porno storico è fuoriuscita dalla città preistorica di Pompeii.

Gli archeologi hanno scoperto tante immagini sessualmente esplicite, statue e affreschi che coprivano le mura dei bordelli e dei bagni pubblici, e nelle case delle famiglie in generale. Tra queste collezioni, uno degli oggetti recuperati più rinomati è la scultura del dio Pan che fa sesso con una capra. Se il porno normale ti fa dubitare della sua veridicità, questa pornografia e bestialità ti faranno impazzire. Questo dio Pan, assieme ad altri affreschi e statue, sono presentati nel Museo Archeologico Nazionale di Napoli (NAMN). Tuttavia, una volta che il re Francesco I di Napoli ha visitato questo luogo, ha ordinato lo spostamento di oggetti espliciti in un luogo riferito come il “museo segreto”. Questi oggetti rimasero nascosti per oltre un secolo.

Durante il 1440, quando fu fondata la stampa Gutenberg, il porno ha immediatamente trovato la sua base nella letteratura. Nel 1524 fu pubblicato e rilasciato al pubblico il primo libro erotico. Nel 1749 il signor John Cleland ha pubblicato un libro erotico dal nome “Memorie di una donna di piacere”, che fu accettata in seguito come “Fanny Hill”. La pubblicazione di questo materiale non è stato un gioco da ragazzi, e John ed il suo editore originale sono stati arrestati ed imprigionati subito dopo la pubblicazione del libro. Un servizio del Boston Globe rivela che un vescovo ha criticato il libro come “una delle cose più oscene che abbia mai incontrato”. Questo romanzo porno storico ha descritto temi come la bisessualità, la libidine, la pratica sessuale di gruppo ed il masochismo. In quasi tutti i settori questo romanzo fu considerato totalmente “osceno”, per cui era conosciuto da poche persone negli Stati Uniti fino al 1966.

I primi anni del 1900 ha introdotto i “film porno” dell’epoca. Questi film erano prodotti e distribuiti illegalmente, ed erano rappresentazioni dell’industria del porno americano in continua crescita. I registi dipendevano da narrazioni frammentarie e ritratti intensi di sesso naturale. Questi film spesso di contrabbando erano guardati regolarmente durante le feste universitarie, eventi ed altre riunioni prettamente maschili. E’ stato riportato che erano creati tra il 1915 e 1970 duemila film di addio al celibato. Nel 1951 è capitato che i film di categoria X erano ufficialmente introdotti in scena. Contando da quest’anno, 2 anni dopo, fu creata la rivista Playboy da Hugo Hefner, che a quell’epoca aveva 27 anni! Ora il World Wide Web ha cambiato il porno, con i milioni di film porno ed immagini pubblicati su Internet!…